SOSTENIBILITÀ Ognuno deve fare la sua parte – L’esperienza di Eleonora

by

Illustrazione in evidenza di Giancarlo Caligaris

I più fragili venivano trattati come bicchieri di cristallo, preziosi bicchieri di cristallo, con tutte le premure, cautele, riguardi possibili e anche impossibili. L’aria tutt’intorno a loro e ovunque era pulita come il primo giorno del mondo. Idem l’acqua, logicamente. Se no che homo sapiens saremmo? Saremmo un homo stultus, stupidus. Nessuna creatura vivente, nemmeno la più piccola, neppure una con un milionesimo di milligrammo di cervello, distruggerebbe il proprio habitat.

Vivian Lamarque

Di Eleonora Prinelli

Cos’è la sostenibilità? Quali sono le prossime sfide e cosa possiamo fare noi per salvaguardare il futuro del pianeta? Nei quattro anni di vita del Bullone abbiamo cercato di rispondere a queste e a tante altre domande, attraverso incontri di valore, esperienze e interviste speciali. Lo abbiamo fatto anche attraverso azioni concrete, allo scopo di far sentire la nostra voce.

Ci siamo lasciati ispirare da grandi maestri e ricercatori. Abbiamo intervistato, tra gli altri, il climatologo Luca Mercalli, il direttore del laboratorio Internazionale di Neurobiologia vegetale, Stefano Mancuso, che ci ha illuminato con la sua Nazione delle Piante (in mostra alla Triennale la scorsa estate); e Sergio Harari, direttore dell’Unità di Pneumologia del San Giuseppe di Milano, con il quale abbiamo riflettuto sulle conseguenze che l’inquinamento provoca alla nostra salute. 

E ancora, incontri con esperti e ricercatori con Fondazione Eni Mattei dove, ben prima dell’esplosione mediatica di questo argomento, abbiamo tenuto una bellissima «Riunione di ReLazione» tra scienziati e ragazzi del Bullone.  

Ma la comunità scientifica da sola non può cambiare il mondo. Ha bisogno di essere ascoltata in primis dalla politica, ma non solo. Così siamo entrati in aziende come Vibram e Barilla, che hanno adottato nuove pratiche al fine di ridurre il proprio impatto ambientale. Abbiamo voluto documentare il loro impegno nell’essere motori di un nuovo modo di fare impresa, perché pensiamo che le aziende possano fare la differenza tanto quanto i singoli. 

Illustrazione di Giancarlo Caligaris

E noi cosa possiamo fare per la causa? Negli ultimi due anni abbiamo indagato moltissimo e raccolto informazioni e consigli per modificare le nostre abitudini e assumere uno stile di vita più sostenibile. Perché ognuno di noi può fare la propria parte, dall’uso di una borraccia al risparmio energetico in casa. 

Infine, Il Bullone ha raccontato e sostenuto sin dal principio l’operato di Greta Thunberg e ne ha seguito con orgoglio la crescita da quando era «solo» una sedicenne davanti al Parlamento svedese, al suo incoronamento, lo scorso 11 dicembre, come personaggio dell’anno da parte del Times. L’anno che si sta per concludere ci ha visto scendere in piazza più volte per i Fridays For Future, perché solo mettendoci la faccia possiamo partecipare attivamente al cambiamento. 

Il 2019 è quasi terminato, ma il nostro impegno non si ferma. Solo pochi giorni fa la Commissione Europea ha approvato il Green New Deal, con il quale l’Europa punta ad essere il primo continente a impatto zero nel 2050. 

Un nuovo anno ci aspetta, e noi continueremo a porci nuove domande e sfide, per lottare contro il cambiamento climatico e non smettere di far sentire la nostra voce.

You may also like

Leave a Comment

Your email address will not be published.