Erasmus: diamo più cuore all’Europa

progetto bullone eu
"Voltate pagina. Il treno sta partendo." Immagine generata con sistema di Intelligenza Artificiale Bing Image Creator
Saltate sulle carrozze. Il treno targato Bullone EU è in partenza!

Il Bullone.eu è un progetto pilota, per la cooperazione nel campo dell’aiuto alla gioventù. È cofinanziato dall’Unione Europea e sostenuto da un partenariato con Traces&Dreams.

Cari ragazzi, montate in carrozza

Ragazze e ragazzi salite in carrozza. Ripartono anche con questo numero le pagine dedicate al progetto pilota Bullone.eu. È un «trenino» partito ufficialmente durante il nostro Festival dedicato agli Invisibili.

Ha l’ambizione di costruire il prototipo di una piattaforma on line in inglese.

L’obiettivo è di usare il modello del Bullone per promuovere in Europa l’inclusione dei giovani attraverso la pratica del giornalismo sociale e sviluppare le loro competenze digitali.

Obiettivo: scorrere volti e voci dei giovani in Europa

Attraverso questa finestra digitale vorremmo far scorrere i volti e le voci, le speranze e le sofferenze dei giovani europei, in particolare dei ragazzi che sono in difficoltà.

Il progetto pilota è stato avviato nel 2023 insieme all’associazione svedese Traces&Dreams, agenzia di comunicazione e story telling. Collaboriamo con Pancare, gruppo transeuropeo di medici e infermieri dedicati ai giovani che affrontano il cancro e ai parenti che li assistono.

“L’Unione Europea non racconta bene i tesori di cui dispone: la solidarietà tra le persone, le speranze che suscita, gli scampoli di felicità e divertimento nell’incontro tra le caratteristiche dei vari popoli.” Immagine generata con sistema di Intelligenza artificiale Bing Image Creator

Raggiungere i giovani tra i 15 e i 30 anni in Europa: circa settanta milioni, un terzo della popolazione europea

Vorremmo raggiungere i giovani tra i 15 e i 30 anni, oltre settanta milioni che abitano nel Vecchio Continente, un terzo della popolazione dell’Unione. Il nostro messaggio, attraverso la piattaforma del Bullone.eu, è quello che ci pare manchi all’Europa Unita, che si è raccontata molto spesso attraverso conflitti economici e politici.

All’Europa manca un poco di cuore

L’Unione Europea non racconta bene i tesori di cui dispone: la solidarietà tra le persone, le speranze che suscita, gli scampoli di felicità e divertimento nell’incontro tra le caratteristiche dei vari popoli. Si dice sempre quanto sia importante per i popoli europei far parte dell’Unione di 27 Paesi, ma non sempre ci si rende conto di quanto siamo fortunati a vivere in questo spazio dove almeno si cerca di assicurare a tutti democrazia, libertà, lo Stato sociale e di frenare gli egoismi e gli odi. Finlandesi, polacchi, italiani, inglesi, francesi e spagnoli e tutti gli altri attraverso l’Unione spesso si sono resi conto di avere più cose in comune di quanto essi stessi potessero ammettere.

Non si tratta solo della diffusione del Parmigiano e del Prosecco in tutto il continente, ma di prendere atto che le differenze ci arricchiscono.

Che noia sarebbe girare per l’Europa se avessimo tutti le stesse caratteristiche e le stesse abitudini!

In questo numero del Bullone alcuni ragazzi parleranno di come la loro vita, con nuovi amici e nuove competenze linguistiche, è cambiata attraverso Erasmus, il programma di studi all’estero che dal 1987 ha insegnato a milioni e milioni di studenti europei a mescolarsi gli uni con gli altri durante gli anni dell’educazione universitaria.

L’Italia è al primo posto fra i Paesi del programma Erasmus per numero di persone in partenza per le attività di studio e formazione.

Ancora troppo pochi.

Voltate pagina. Il treno sta partendo.