Sicurezza informatica e le minacce a cui andiamo incontro

Credits: NASA
Credits: NASA

La digitalizzazione è un processo inevitabile. Ma quali sono le minacce che noi e la sicurezza informatica dovrà affrontare?

Di Marco Sicbaldi

Nel rapporto tra scienza e informazione, in una realtà sempre più digitale, non possiamo non considerare alcuni aspetti che ci vengono forniti dal World Economic Forum, all’interno dell’ultimo rapporto pubblicato.

La crescente dipendenza digitale intensificherà le minacce informatiche

All’inizio del rapporto troviamo, tra le tante interviste fatte alla popolazione mondiale, quella che mette in correlazione la crescente dipendenza dai sistemi digitali, intensificata dal COVID-19, che ha alterato le società. 

Negli ultimi 18 mesi, le industrie hanno subito una rapida digitalizzazione, i lavoratori sono passati al lavoro a distanza ove possibile, e le piattaforme e i dispositivi che facilitano questo cambiamento sono proliferati. Allo stesso tempo, le minacce alla sicurezza informatica stanno aumentando (nel 2020, gli attacchi di malware e ransomware sono aumentati rispettivamente del 358% e del 435%) e stanno superando la capacità delle società di prevenirli o di rispondere efficacemente. Barriere inferiori all’ingresso per gli attori delle minacce informatiche, metodi di attacco più aggressivi, carenza di professionisti della sicurezza informatica e meccanismi di governance patchwork stanno aggravando il rischio.

L’intensificazione degli attacchi a sistemi ampi e strategici comporteranno conseguenze fisiche a cascata in tutte le società, mentre la prevenzione comporterà inevitabilmente costi più elevati. Anche i rischi immateriali, come disinformazione, frode e mancanza di sicurezza digitale, avranno un impatto sulla fiducia del pubblico nei sistemi digitali. Le maggiori minacce informatiche rischiano anche di separare gli Stati se i governi continuano a seguire percorsi unilaterali per controllare i rischi. Man mano che gli attacchi diventano più gravi e di ampio impatto, le tensioni già acute tra i governi colpiti dalla criminalità informatica e i governi complici della loro commissione, aumenteranno, poiché la sicurezza informatica diventa un altro cuneo di divergenza, piuttosto che di cooperazione, tra gli Stati-nazione.

Il secondo anno della pandemia fornisce approfondimenti sulla resilienza

Nel 2021, i Paesi hanno implementato nuovi meccanismi per rispondere a una crisi di salute pubblica con caratteristiche mutevoli, portando sia a successi che a fallimenti. Due fattori interconnessi erano fondamentali per una gestione efficace della pandemia: primo, la disponibilità dei governi ad adeguare e modificare le strategie di risposta in base al mutare delle circostanze; e in secondo luogo, la loro capacità di mantenere la fiducia della società attraverso decisioni di principio e una comunicazione efficace.

Riflettere sui distinti obiettivi di resilienza di governi, imprese e comunità aiuterà a garantire che le agende siano allineate nel raggiungimento di un approccio globale per affrontare i rischi critici di qualsiasi natura. 

Per i governi, il bilanciamento dei costi, la regolamentazione per la resilienza e l’adeguamento delle disposizioni di condivisione dei dati per garantire una gestione più precisa delle crisi, sono fondamentali per stimolare un’interazione più forte tra il settore pubblico e quello privato. Le aziende, riconoscendo che una migliore preparazione a livello nazionale è fondamentale per la pianificazione, l’investimento e l’esecuzione delle proprie strategie, possono sfruttare le opportunità in aree quali le catene di approvvigionamento, i codici di condotta all’interno del proprio settore e l’inclusione di una dimensione di resilienza nelle offerte di benefit per la forza lavoro.