Quando sparire fa male, il ghosting nella relazione

Di Paola Gurumendi

«Il ghosting è diventato la violenza psicologica preferita dalle nuove generazioni e non solo, ovvero diventare dei fantasmi, sparendo improvvisamente dalle nostre vite».

Negli ultimi tempi, anche grazie all’aiuto della pandemia, i legami sui social sono diventati sempre più uno stile di vita, peccato però, che spesso e volentieri si possono superare dei limiti relazionali che finiscono per diventare più importanti di quello che si desiderava.

In questo caso si decide di smettere di rispondere a qualsiasi tipo di comunicazione come modo peggiore per chiudere o sfuggire a una relazione diventata seria. Un fenomeno riguardante soprattutto i rapporti d’amore, ma può succedere anche in quelli d’amicizia.

Il ghoster (il cattivo/a della situazione) è una persona che pensa di non essere all’altezza né del rapporto che si sta costruendo, né delle discussioni che si svolgono, sperando in qualche modo di non deludere il suo contatto e lasciandolo senza una risposta da un momento all’altro.

Questo atteggiamento è diffuso sia tra le donne, sia tra gli uomini con un’età che va dai diciott’anni in su.

Non limitiamoci a parlare solo del suo significato, ma anche a valutare cosa può provocare il ghosting nella persona lasciata senza risposta. Principalmente sappiamo che un atteggiamento del genere non è prevedibile, in questo caso può succedere a ognuno di noi, non per questo dobbiamo avere la sensazione di essere sbagliati, normalmente dopo una situazione del genere chi sparisce non si rende conto del danno che provoca un’assenza così improvvisa, (un po’ come il lutto) ci si ritrova dal tutto al niente; quel messaggio, quella chiamata a lungo andare possono diventare non solo una compagnia, ma un sentimento, un’abitudine difficile da lasciar andare. Prendere coscienza che tutto è finito riempie la persona di malinconia e di uno stato di tristezza che lascia spazio solo alla confusione, a mille domande senza risposta, al sentirsi inadeguato.

Ricordiamo però, che non è colpa nostra se una persona decide di sparire dalle nostra vita, sicuramente è finito il suo percorso con noi, o semplicemente era ora di continuare a camminare con persone migliori al nostro fianco.

Ci consigliano sempre di evitare questi tipi di rapporti che pian piano si dissolveranno nell’aria come un momento bello o brutto, a voi la scelta. Non lasciatevi sfuggire le persone che hanno per voi un meraviglioso sorriso e se siete fortunati, magari trovate qualcuno di speciale con un semplice click.

Alla fine vi ritroverete accanto solo le persone vere… Le altre si autoeliminano da sole!