L’Educazione di Tara Westover, La Vera Storia di Una Rinascita

L’educazione racconta l’intimo percorso di formazione e rinascita dell’autrice, Tara Westover, fuggita dall’estremismo della sua famiglia mormona.

Di Eleonora Prinelli.

Ho perdonato i miei genitori quando ho perdonato me stessa”, così risponde Tara Westover nell’intervista rilasciata a Vanity Fair dopo l’uscita del suo primo, e per ora unico, romanzo. Leggendo “L’educazione” ci si chiede se questo sia un libro sul perdono. Probabilmente sì, ma è anche tanto altro. “L’educazione” si inserisce tra le grandi storie di formazione del nostro tempo, nonostante la vicenda che narra sembra collocarsi al di fuori di esso.

Un’Infanzia Vissuta Nella Paura

Tara è cresciuta in una numerosa famiglia mormona tra le montagne dell’Idaho. Con Buck Peack, una delle cime che si stagliano di fronte a casa, instaura un rapporto di appartenenza viscerale, proprio come quello che la lega indissolubilmente alla sua singolare famiglia. Lei ed i suoi fratelli non sono registrati all’anagrafe, non sono mai andati a scuola, né da un dottore.

Fin da bambina Tara ha aiutato il padre a raccogliere rottami in discarica e fare provviste per prepararsi ai “Giorni dell’Abominio”, dormendo con un zaino d’emergenza accanto al letto. Suo padre è un uomo accecato dal fanatismo e dalle paranoie apocalittiche che lui stesso alimenta, interpretando gli estratti della Bibbia a suo piacimento. Arriva ad essere persino pericoloso per i propri cari, i quali tuttavia non riescono a sottrarsi al suo carisma, né a disobbedirgli. La madre è una donna dolce, ma fedele alle proprie credenze e completamente sottomessa al marito, come da precetto. Cerca di difendere Tara e sua sorella Audrey dai comportamenti folli e violenti del fratello maggiore, Shawn, ma invano.

L’atmosfera in casa è densa, carica di odio verso il “profano” e di paure incessanti verso il mondo esterno. Tutto è portato all’estremo e va ben oltre i principi religiosi del Mormonismo: una donna che porta una scollatura a V è una sgualdrina; il governo americano controlla i cittadini e assedia le loro case con l’esercito; i medici non curano i pazienti, li uccidono.

La Rinascita Grazie All’Istruzione Ritrovata

Un giorno Tara avrà una rivelazione: la possibilità di emanciparsi da quell’ambiente opprimente e violento proprio attraverso ciò che gli era sempre stato negato, l’educazione. Un percorso interiore verso la scoperta di sé stessa e della propria famiglia. Una metamorfosi che la porterà a guardare la realtà con nuovi occhi e che le instillerà la fiducia e la volontà necessaria a cambiare la propria vita.

L’educazione” è la storia di una rinascita faticosa ma indispensabile, che tocca vari piani di introspezione e passa anche per il senso di colpa ed il perdono. Tuttavia, ciò che emerge è soprattutto la storia di una giovane donna e della sua crescita che, benché con tempi e modalità diverse dal solito, la porterà prima o poi a vivere quelle esperienze comuni alla formazione di ciascun essere umano.

Un racconto avvincente che fa riflettere non solo sugli estremismi, ma anche sulla manipolazione psicologica che si può instaurare in un gruppo di persone, siano esse parte di una famiglia o meno. Immedesimandosi nella giovane ragazza di Buck Peack, il lettore non può fare a meno di tifare per la sua emancipazione e libertà. Con uno stile chiaro e rigoroso, delle immagini vivide – che talvolta lasciano uno spazio inquietante all’immaginazione –  e qualche colpo di scena, Tara Westover racconta una storia lunga vent’anni che si fa leggere tutta d’un fiato.