Il Bullone è il pensiero dei B.Liver.

Con il tuo contributo possiamo realizzare progetti sociali insieme a ragazzi che vanno oltre la malattia.

di Bill Nada

Nel mare dell’Elba: “In barca vivi il presente senza disagi”

Federico, comunità Exodus, ha preso parte a due grandi progetti in barca a vela: il progetto Tukiki e il progetto Isola Mondo: il primo dedicato alle disabilità cognitive, mentre il secondo è dedicato alla creazione di una rete di solidarietà tra la terraferma e le isole.

Sogni e progetti

I ragazzi del Bullone ragionano sulle due parole che ricorrono nei loro discorsi e che segnano spesso la differenza tra utopia e realtà...
"Sogni e progetti". Illustrazione di Chiara Bosna.

“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”

Riccardo parte da una delle frasi più conosciute di William Shakespeare: «Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni». La frase appartiene all'opera La Tempesta, che ci ricorda, come dice Riccardo, che anche tuoni e nuvole fanno parte del processo.

Progetti e sogni: perché i tuoi sono ancora nel cassetto?

La B.Liver Amy si chiede e ci chiede in quale cassetto abbiamo nascosto i nostri sogni, e soprattutto perché. Il filo tra sognare e progettare è costruito su tela fatta da determinazione e fermezza; un esempio? La campionessa di scherma Bebe Vio, che nonostante tutto non ha mai mollato il suo sogno.. dentro al cassetto.

Sogni, progetti e immagini: ecco Casa di Deborah

Monica Nalin, volontaria di Casa di Deborah, sogna come sarebbe avere una casa più grande: muri colorati, tavoli per studiare, ping pong. E la casa attuale sembra sempre più piccola rispetto alle stanze disponibili, tutte occupate. Il 10 gennaio però, grazie alla volontà di istituzioni, persone e aziende, è stata inaugurata la nuova sede. Per dirlo alla Monica: un sogno uscito con il buco.

E se le aspirazioni le realizzassimo nell’aldilà?

Il B.Liver Riccardo ci racconta una storia, quella di David Koné; Dako, per la precisione: un uomo che come lavoro realizza i progetti di tutti, materializzando sogni che ancora non conoscono. La sua vita prosegue normalmente, almeno finché non incontra il Signor Greene, un ultranovantenne malato che gli chiede di realizzare il suo progetto: morire.

Il presente che cambia

Le parole chiave sono “speranza”, “partecipazione” e “presente”, per combattere la crisi e diffondere ottimismo. Le storie indirizzano il nostro cammino, mentre le donne di tutto il mondo combattono per aver riconosciuti i propri diritti.

Lettera aperta al ministro dell’istruzione: “Quanto è difficile lavorare nelle scuole”

La B.Liver Alessandra è un'insegnante che spiega perché ottenere una cattedra a scuola è sempre più difficile. Questa è la sua lettera al ministro dell'istruzione.

“Ho dipinto la Coop per fare incontrare persone e supermercati”: intervista a Maura Latini, manager e presidente di Coop Italia

La B.Liver Sofia ha intervistato Maura Latini, presidente di Coop Italia, che racconta come, da donna, ha inseguito le sue passioni nel mondo del lavoro e della grande distribuzione, curando le relazioni con la clientela e la qualità dei prodotti offerti.

“La lingua non ha né sesso, né genere, si evolve con la società”: intervista al semiologo Stefano Bartezzaghi

Stefano Bartezzaghi è un semiologo, già allievo di Umberto Eco, giornalista, scrittore, enigmista, tra i più importanti studiosi di giochi di parole, umorismo e creatività. Collabora da diversi anni con le maggiori testate con le sue rubriche. Ha all’attivo numerosissime pubblicazioni, sia divulgative sia saggistiche. L'ha intervistato per noi il B.Liver Edoardo.

“Fatevi i corpi vostri”: intervista alla scrittrice e storica Giulia Paganelli, conosciuta come “Evastaizitta”

La B.Liver Elisa ha intervistato Giulia Paganelli: autrice, antropologa, storica ed attivista. Sul suo profilo e nei suoi libri parla di femminismo, grassofobia e fisici non conformi. Su Instagram è "Evastaizitta".

Altri articoli del Bullone

I grandi personaggi della nostra storia intervistati dai giornalisti del Bullone, attraverso il dialogo con chi li ha conosciuti bene e che si mette nei loro panni. Il tutto accompagnato dai meravigliosi ritratti di Max Ramezzana.

Intervista impossibile a Italo Calvino: “La leggerezza è un modo di guardare il mondo”

Cinzia Farina, cronista del Bullone e Paolo Di Stefano (giornalista e scrittore, già responsabile della pagina culturale del Corriere della Sera, ha lavorato per la Repubblica e per la casa editrice Einaudi) hanno avuto un incontro emozionante con Italo Calvino, uno tra i maggiori scrittori del secondo Novecento, di certo il più famoso, tradotto e conosciuto in tutto il mondo. Questa è l'intervista impossibile di questo numero,

B.Liver Story: “Così Sole imparò a voler bene alla sua malattia”

La B.Liver Story di questo mese è quella di Veronica, educatrice sorridente, che combatte con l'anemia falciforme. Leggi la sua storia!

Nel mare dell’Elba: “In barca vivi il presente senza disagi”

Federico, comunità Exodus, ha preso parte a due grandi progetti in barca a vela: il progetto Tukiki e il progetto Isola Mondo: il primo dedicato alle disabilità cognitive, mentre il secondo è dedicato alla creazione di una rete di solidarietà tra la terraferma e le isole.

Bambini adulti o adulti bambini? La normalità negata 

Alisa ci parla di un evento che ha cambiato la vita dei bambini nel 1992, con la dissoluzione dell'Urss: l'emigrazione.

B.Liver Story: “Così Sole imparò a voler bene alla sua malattia”

La B.Liver Story di questo mese è quella di Veronica, educatrice sorridente, che combatte con l'anemia falciforme. Leggi la sua storia!

“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”

Riccardo parte da una delle frasi più conosciute di William Shakespeare: «Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni». La frase appartiene all'opera La Tempesta, che ci ricorda, come dice Riccardo, che anche tuoni e nuvole fanno parte del processo.

MANIFESTO

Siamo una fondazione no profit che attraverso il coinvolgimento e l’inclusione lavorativa di ragazzi che hanno vissuto o vivono ancora il percorso della malattia, promuove la responsabilità sociale di individui, organizzazioni e aziende.

I ragazzi si chiamano B.Liver e la loro esperienza genera Il Bullone, un nuovo punto di vista che va oltre il pregiudizio e i tabù verso uno sviluppo sociale, ambientale ed economico sostenibile.

Il Bullone è pensiero: un giornale, un sito e un canale social, i cui contenuti sono realizzati insieme a studenti, volontari e professionisti per pensare e far pensare.

Il Bullone è azione: esperienze con i B.Liver, progetti di sensibilizzazione, lavoro in partnership con aziende.

Il Bullone organizza per i B.Liver attività settimanali: interviste e incontri, formazione e laboratori, approfondimenti e svago.

Il Bullone fa sensibilizzazione attraverso visionari progetti artistici, viaggi temerari, storytelling, esperienze e incontri che uniscono realtà diverse in percorsi originali.

Il Bullone lavora in partnership con aziende che credono nel suo sguardo, ironico, profondo e fuori dalle convenzioni, per sviluppare e realizzare progetti di comunicazione, eventi formativi e nuovi prodotti.

Il Bullone.
Pensare. Fare. Far Pensare.