Cambiamo strada

Cambiamo stradaRompiamo gli schemi

Puntiamo a una rigenerazione della politica, a una protezione del pianeta e ad una umanizzazione della società. La crisi sanitaria, economica e sociale porterà alla disgregazione delle nostre società? Una domanda che si fa il filosofo Edgar Morin. Il Bullone propone interviste e considerazioni di persone che hanno già rotto gli schemi del passato, entrando in un futuro che tiene conto dell’Uomo. O come dice Arnoldo Mosca Mondadori, ci spinge a una curiosità che da sola può sconfiggere la paura. La paura del dopo. Siate curiosi e audaci. Lo ripetiamo: rompiamo gli schemi.

Il Bullone è il pensiero dei B.Liver.

Con il tuo contributo possiamo realizzare progetti sociali insieme a ragazzi che vanno oltre la malattia.

Questa è una storia d'amore

Patrizia Foti e Luigi Fontana hanno scelto Il Bullone per raccontare la loro iniziativa e la loro responsabilità sociale d'impresa.

Il Bullone è il pensiero dei B.Liver.

Con il tuo contributo possiamo realizzare progetti sociali insieme a ragazzi che vanno oltre la malattia.

di Bill Nada

L’infarto, e Camillo non fa più lo Sboroni

Di Bill NiadaCamillo Sboroni voleva essere il migliore, sbaragliare la concorrenza, umiliare gli umili e brutalizzare i...

La storia di Laura Tasto

Di Laura TastoSono in camera mia. Computer acceso, il cursore che sfreccia sui file di lavoro. Spotify...

di Bill Niada

L’infarto, e Camillo non fa più lo Sboroni

Di Bill NiadaCamillo Sboroni voleva essere il migliore, sbaragliare la concorrenza, umiliare gli umili e brutalizzare i potenti. Sempre e ovunque.Non rispondeva mai alle mail, dava appuntamenti dopo mesi, cancellava gli incontri un’ora prima e faceva fare ore...

Domanda-offerta, la dinamica analizzata fuori contesto

Ci siamo interrogati sul discorso domanda-offerta, trasportandolo al di fuori del suo normale contesto.Di Maddalena Fiorentini

Federico rompe gli schemi dell’identità di genere.

Federico rompe gli schemi dell'identità di genere scegliendo di essere sé stesso e la sua identità. Oggi è chi ha sempre...

Rompere gli schemi di una famiglia fragile.

La storia di Cristina è iniziata in una famiglia fraglie, ma questo non l'ha fermata nel cambiare e nel decidere della...

Rompere gli schemi della bellezza e della perfezione.

Ho rotto il mio ideale di bellezza e perfezione quando mi sono accorta che l'unica cosa importante era la mia felicità.

MANIFESTO

Siamo una fondazione no profit che attraverso il coinvolgimento e l’inclusione lavorativa di ragazzi che hanno vissuto o vivono ancora il percorso della malattia, promuove la responsabilità sociale di individui, organizzazioni e aziende.

I ragazzi si chiamano B.Liver e la loro esperienza genera Il Bullone, un nuovo punto di vista che va oltre il pregiudizio e i tabù verso uno sviluppo sociale, ambientale ed economico sostenibile.

Il Bullone è pensiero: un giornale, un sito e un canale social, i cui contenuti sono realizzati insieme a studenti, volontari e professionisti per pensare e far pensare.

Il Bullone è azione: esperienze con i B.Liver, progetti di sensibilizzazione, lavoro in partnership con aziende.

Il Bullone organizza per i B.Liver attività settimanali: interviste e incontri, formazione e laboratori, approfondimenti e svago.

Il Bullone fa sensibilizzazione attraverso visionari progetti artistici, viaggi temerari, storytelling, esperienze e incontri che uniscono realtà diverse in percorsi originali.

Il Bullone lavora in partnership con aziende che credono nel suo sguardo, ironico, profondo e fuori dalle convenzioni, per sviluppare e realizzare progetti di comunicazione, eventi formativi e nuovi prodotti.

Il Bullone.
Pensare. Fare. Far Pensare.

I B.LIVER

Oriana

Prima, teatro dalla prima media e per sempre, una laurea, due campionati italiani hip hop Seniores vinti, i venerdì sera di latino americano, sette stagioni in villaggio, tre anni di improvvisazione teatrale, il giornale dell’università e la sua resurrezione, qualche cuore spezzato (compreso il mio)…

Eleonora

«La vita è come la fotografia. Sono necessari i negativi per lo sviluppo». Non è semplice raccontarmi attraverso uno scritto, ogni frase che cerco di comporre mi sembra sempre scorretta, ma voglio provare a parlare di una parte della mia vita che è stata fondamentale per rendermi ciò che sono ora.

Arianna

Sono Arianna, ho 24 anni e non sto combattendo in prima persona contro nessuna malattia. Da circa due anni però affianco come posso il mio ragazzo, Ale, e tutto un gruppetto di strana gente che ho incontrato qua a B.LIVE e che piano piano sto imparando a conoscere.

Alessandra

Ciao, sono Alessandra, ho 22 anni e dal 13 Marzo del 2017 nella mia vita è iniziata una strana partita. Per poterla raccontare devo tornare un po’ indietro, partendo da Dicembre del 2016. Frequentavo il corso di “Ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell’ambiente” all’ università di Varese

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER