Sciopero di una quindicenne «Il clima ci uccide, gli adulti sputano sul mio futuro»

by

Di Eleonora Prinelli

Una ragazza di 15 anni si siede ogni giorno davanti al Parlamento svedese con un cartello scritto a mano: in sciopero scolastico contro il cambiamento climatico . A chi le chiede cosa stia facendo risponde: «Faccio sciopero. Lo faccio perché gli adulti stanno sputando sul mio futuro». Già, perché studiare per costruirsi un futuro, se gli adulti non fanno nulla per garantirglielo? I fatti sembrano non contare più nulla, dal momento che i politici e le istituzioni non ascoltano i numeri riportati dagli scienziati sul surriscaldamento globale.

Così Greta Thunberg ha deciso di scioperare davanti al Parlamento del proprio Paese, fino al 9 settembre, giorno delle elezioni svedesi, allo scopo di incitare i politici ad agire contro l’aumento incessante delle temperature. L’estate appena trascorsa è stata tra le più calde degli ultimi duecento anni in Svezia. È evidente che non ci sia più tempo. Bisogna agire subito, e chi dovrebbero essere i primi a farlo, se non chi ci governa? Immagino i commenti sui social: «dovrebbe andare a scuola invece che perdere tempo in giro», «Cosa non si fa pur di bigiare» e «Sarà stata incitata dai genitori». Intanto però siamo qui a parlarne, no? Ciò che questa giovanissima ragazza ha fatto, possiede un enorme valore sociale. Ha deciso di agire, di compiere un gesto simbolico, che tuttavia è arrivato fino a qui dalla lontana Svezia. Se anche la notizia fosse stata falsa a questo punto non importerebbe, perché ciò che conta è l’effetto che ha prodotto e il dibattito che ha scatenato. In ogni caso, il fatto che una ragazza di 15 anni si sia piazzata da sola per strada a scioperare, rappresenta una grande forma di protesta personale, molto diversa dalla mera condivisione di un pensiero sui social (a far quello son bravi tutti). E poi, come sostiene un professore di Greta che ha deciso di sostenerla nella causa, «Stiamo andando a tutta velocità verso una catastrofe e in questa situazione l’unica cosa ragionevole da fare è essere irragionevoli».

Una volta concluse le elezioni svedesi, e senza successo dei Verdi, che hanno ottenuto solo il 4,3% dei voti, Greta ha deciso di proseguire la protesta istituendo i così detti Fridays for future . Uno sciopero più «soft», che si tiene solo di venerdì e che serve a ricordare che la lotta contro l’indifferenza politica deve  continuare.

Con l’hashtag #fridaysforfuture dal suo profilo twitter esorta tutti  noi a scioperare perché si attuino leggi severe per ridurre al minimo le emissioni, e sono in molti coloro che hanno iniziato a supportarti e a seguire il suo esempio in tutta Europa.

La notizia ha davvero fatto il giro del mondo, su moltissime testate locali e internazionali. Greta è stata intervistata dal Guardian  e dalle tv svedesi; ha ottenuto il supporto di giganti della sostenibilità come Greenpeace e Lifegate. Insomma, Greta ha sbalordito tutti. Ha fatto qualcosa che non ci si sarebbe mai aspettati da una ragazzina di 15 anni e ha sbattuto la realtà in faccia al mondo degli adulti. Ci vuole coraggio, certo. E infatti le sono grata, perché dopotutto lo sta facendo anche per ognuno di noi. Il futuro è di tutti, come lo è il pianeta in cui viviamo e per questo dobbiamo imparare a prendercene cura una volta per sempre. È un impegno che non possiamo più rimandare.

Immagine in evidenza presa da: www.nonsprecare.org

You may also like

Leave a Comment

Your email address will not be published.