Continua la piaga dei bulli a scuola | Il Bullone

by

Di Davide Saraceni

Accendo il televisore per ascoltare il notiziario, per informarmi, e sento che stanno parlando del bullismo.

Ne parlò già, anni fa, Dan Olweus, uno psicologo di grande fama che lo ha studiato a lungo. 

Il bullismo è un fenomeno molto diffuso tra gli adolescenti e consiste nell’offendere, prendere in giro e usare violenza psicologica, ma anche fisica (spinte, calci…) contro la vittima, che è considerata più debole rispetto al gruppo.

Molte volte anche il bullo è stato vittima di violenza in famiglia e così riflette la sua aggressività sugli altri. 

Forse, se ci soffermiamo a pensare, scopriamo che non è nulla di nuovo, che questo comportamento è sempre esistito come testimoniano anche i romanzi; Cuore di Edmondo De Amicis, o David Copperfield di Charles Dickens.

La cosa più inquietante è che molti di questi episodi oggi avvengono tra le mura scolastiche, luogo che dovrebbe essere «educativo» per eccellenza; anche se segnalati, questi fatti sono inspiegabilmente presi con indifferenza dagli adulti e da chi è presente. Molto spesso anche chi subisce non denuncia e sopporta in silenzio. Forse si vergogna e quindi da solo inventa strategie per evitare tali violenze, che a volte finiscono in tragedie. 

Ebbene, penso che queste giovani vittime del bullismo debbano denunciare.

Se accaduto tra mura della scuola, il docente che vede e che ha obbligo di vigilanza e custodia degli alunni – non solo durante la lezione – ha anche l’obbligo di denunciare il fatto all’autorità giudiziaria.

Allo stesso modo è di fondamentale importanza che il docente non venga lasciato solo nell’ambito della repressione della condotta del bullismo e che venga affiancato dalla famiglia.

I genitori che sospettano di avere un figlio vittima di bullismo, possono prestare attenzione ad alcuni segnali. 

Spesso la vittima chiede di essere accompagnato o ripreso da scuola, o peggiora nel rendimento scolastico.

La vittima deve capire che è amata dalla sua famiglia e che non ha colpe se è stata presa di mira dagli altri.

Spesso, le vittime di bullismo perdono la fiducia in se stesse, i familiari devono parlargli per migliorare la sua autostima, oltre che parlare con i docenti, in modo da creare una rete che coinvolga in modo efficace la famiglia e la scuola.    

You may also like

article-image
PAROLA AI RAGAZZI

«La Terra è malata, l’uomo rischia» L’allarme di Luca Mercalli ai giovani

Di Martina Segantini I giovani B.Livers sulle orme del loro percorso sulla sostenibilità, hanno partecipato alla lectio magistralis tenuta da Luca Mercalli, presidente della Società Metereologica Italiana, su «Il valore della responsabilità per un pianeta sostenibile», all’interno del festival di filosofia Filosofarti. Quante volte...

Leave a Comment

Your email address will not be published.